TotaliDizionario

cerca la parola...

Semafori

  • semaforo
    I Libri di Totalità

    Simonetta Bartolini, “Yoga”. Sovversivi e rivoluzionari con d'Annunzio a Fiume

    Simonetta Bartolini, “Yoga”. Sovversivi e rivoluzionari con d'Annunzio a Fiume

    Nel novembre 1920 Giovanni Comisso e Guido Keller fondano a Fiume «Yoga» una rivista settimanale di cultura e politica, di cui furono pubblicati solo quattro numeri, i cui articoli vengono qui pubblicati, per la prima volta,  in trascrizione integrale. «Yoga» vide la luce il giorno dopo la firma del trattato di Rapallo, che dopo poco più di un mese avrebbe portato alla conclusione dell’avventura fiumana con il “Natale di sangue”. Non si trattò di una rivista della proterva sopravvivenza del fiumanesimo oltre e contro il corso della storia, non fu caratterizzata dalla malinconia di un tramonto alle porte, ma piuttosto fu la reazione vitalistica e rivoluzionaria di due intellettuali che aderirono con convinzione e passione al progetto dannunziano formalizzato nella Carta del Carnaro. Speravano di imprimere alla storia d’Italia un nuovo corso...


    Continua a leggere...

  • semaforo
    I Libri di Totalità

    Giuseppe Bedeschi, Declino e tramonto della civiltà occidentale. Studi sulla caduta dell'idea di progresso nella cultura europea

    Giuseppe Bedeschi, Declino e tramonto della civiltà occidentale. Studi sulla caduta dell'idea di progresso nella cultura europea

    Per alcuni secoli la cultura occidentale ha nutrito, con poche eccezioni, una ferma fede nel progresso: cioè essa ha creduto che il cammino della nostra civiltà fosse un cammino ascendente e inarrestabile, che avrebbe accumulato conquiste (non solo scientifiche e tecniche, ma anche morali e politiche) sempre più elevate. Sarebbe sorto così un mondo sempre più degno dell’uomo. Nel Settecento l’idea di progresso si è imposta largamente nel modo di concepire la storia, grazie all’Illuminismo. Nella prima metà dell’Ottocento tale idea....


    Continua a leggere...

  • semaforo
    I Libri di Totalità

    Carlo Nordio, La stagione dell’indulgenza e i suoi frutti avvelenati. Il cittadino tra sfiducia e paura

    Carlo Nordio, La stagione dell’indulgenza e i suoi frutti avvelenati. Il cittadino tra sfiducia e paura

    La stagione dell’indulgenza è quella del pressapochismo, dell’incompetenza, dell’indifferenza. I suoi frutti avvelenati: sfiducia, insicurezza, corruzione, illegalità diffusa. Dell’una e degli altri sono state ugualmente responsabili (o irresponsabili) destra e sinistra, con l’assecondare gli umori popolari per conquistare elettori, con la proliferazione di leggi dettate dalla cronaca, con l’incapacità di riformare la Giustizia. Le conseguenze sono uno Stato che si delegittima da sé, non assumendosi le sue responsabilità o contestandole, un crescente allarme sociale che va oltre i dati statistici della criminalità, una paralisi difensiva che...

    Continua a leggere...

  • semaforo
    I Libri di Totalità

    Giulio Tremonti, Le tre profezie. Appunti per il futuro

    Giulio Tremonti, Le tre profezie. Appunti per il futuro

    Marx nel Manifesto, Goethe nel Faust e Leopardi nello Zibaldone profetizzarono, con diverso grado di consapevolezza, la deriva del capitalismo globale, il potere mefistofelico del denaro e del mezzo digitale, della crisi d’identità di una civiltà che diviene cosmopolita. L’ex ministro Giulio Tremonti, ne Le tre profezie, analizza gli effetti politico-economici della globalizzazione, esamina i risultati della creazione della moneta e della sua gestione finanziaria, constata gli esiti del cosmopolitismo etno-culturale. L’élite intellettuale immaginava che l’ideologia globalizzante avrebbe portato con sé...

    Continua a leggere...

  • semaforo
    I Libri di Totalità

    Federico Cartelli, Contro il pensiero breve. Capire la crisi delle democrazie liberali

    Federico Cartelli, Contro il pensiero breve. Capire la crisi delle democrazie liberali

    Le democrazie liberali si stanno progressivamente trasformando in democrazie emozionali: alla rappresentanza degli interessi e delle istanze si è sostituita la delega delle pulsioni e degli istinti. Lo statista è stato rimpiazzato dal politico artificiale, prodotto in laboratorio dagli onnipresenti spin doctors che studiano gli algoritmi, analizzano i big data, pesano i sondaggi, sondano il web, contano i followers, carpiscono gli umori dell’opinione pubblica per convertirli prima in like e poi...


    Continua a leggere...

  • ARCHIVI