Dagli anni '80 ad oggi

Nerd, emo o fashion victims? Che tribù!

Molti giovani acquistano passivamente capi, consigliati dai furbi stilisti

di LORD BRUMMELL

Nerd, emo o fashion victims? Che tribù!

Il completo RL, consigliato oggi.

La moda e le sue tendenze governano i gusti e le scelte dei giovani, dal modo di vestire alla musica, agli interessi che taluni di loro coltivano. Facciamo un piccolo viaggio all’interno di queste realtà, per scoprire cosa i ragazzi vogliono comunicare scegliendo di aderire ad una tribù piuttosto che a un’altra.

Nerd, bimbominkia, emo, metallari, sono solo una piccola parte dei “gruppi” entro i quali possono inserirsi i futuri uomini di domani. L’abbigliamento rappresenta un ruolo decisivo per l’appartenenza a un gruppo o a una realtà di quelle sopra elencate.

Gli anni ‘80 videro emergere i punk, con look total black attillatissimi, cinture enormi con fibbie raffiguranti teschi, capelli sfumatissimi e dritti. All’opposto si posizionavano i nerd, ossia gli sgobboni dagli spessi occhiali da miope, con capelli sempre in ordine, gilet o maglie a paricollo e camicia chiusa fino all’ultimo bottone. Oggi, nel ventunesimo secolo, il discorso non cambia molto: da un lato gli emo, i “bimbiminkia”, dall’altro i fashion victims. Le peculiarità dei primi sono quasi identiche a quelle dei gruppi punk degli anni ‘80 e ‘90, la dissomiglianza sta forse nella maggior attenzione che i giovani di oggi dedicano al loro aspetto fisico (smalto nero sempre a posto, trucco pesante sugli occhi). L’emo viene sovente equiparato ad un certo tipo di abbigliamento skate degli anni 80. Attualmente, sia i ragazzi che le ragazze usano quasi sempre jeans stretti e scuri e mostrano una frangia asimmetrica che gli scende sulle guance e matita nera sugli occhi. Molto frequentemente indossano aderenti t-shirt raffiguranti bande metal rock, cinture con borchie fluorescenti, anfibi o in generale scarpe nere, meglio se Converse o Superga. I fashion victims, sono coloro che vengono identificati quali soggetti che seguono in modo passivo e acritico qualunque dettame della moda.

Noi ci rivolgiamo a quest’ ultimi, perché le altre categorie hanno bene in testa ciò che amano indossare o, forse, è più giusto dire cosa vogliono comunicare con quell’abbigliamento.

I maschietti che passano pedissequamente il loro tempo a fare shopping nelle importanti boutiques del centro storico di questa o quella città, acquistando passivamente ciò che il guru della moda gli propina, è una scena di totale demenza adolescenziale che, ahimè, si prolunga ben oltre questo determinato lasso di tempo, andando a influenzare gli appena maggiorenni e addirittura i genitori stessi.

Allora una sola parola… basta!, - anzi stop, con semaforo rosso!

Ma cosa sono quelle scarpe dalla punta così a punta che lo stesso Aladino, ben avvezzo a simil calzature, avrebbe mal-sopportato. Perché quelle camicie così aderenti che mostrano, oltre alla forma del costato, tutte la volgarità del pelo che ne fuoriesce in maniera quasi ossessiva. Con le camicie strette e aperte, occorrerebbe, sebbene non lo apprezzi, una raccomandata depilazione. Che impressione malevola, poi, quelle giacche due bottoni che terminano sopra i glutei: il Conte Nuvoletti verrebbe meno alla vista di tali oscenità. Nondimeno, c’è assolutamente da vietare l’uso improprio di quelle cravatte  ristrettissime che somigliano a certi grissini che troviamo sulle tavole apparecchiate. Ma una via di mezzo, non esiste? Perché gli stilisti che propongono tali turpitudini, non si vedono mai agghindati così? Perché, risponderebbero loro,«è una moda per i giovani».

Perfetto! Fossi io, ancora un junior di belle speranze, direi loro: « Quando vi vedrò vestiti come ci consigliate beh, allora si, adotterò in pieno i vostri suggerimentii. Per adesso sto con Totalità».

 

Caro Junior di belle speranze.

Per un ragazzo sveglio, carino, elegante e che ami il gentil sesso questo che descriverò è il suo abbigliamento ideale.

 

Giacca blu navy tre bottoni. Jeans blu scuro con fondo a sigaretta.
Sotto la giacca, gilet 5 bottoni marrone chiaro con sfondo beige. La camicia rosa con colletto bianco, deve essere perfezionata da una cravatta regimental nei colori del verde-blu-giallo. Scarpe allacciate marroni, Church’s
.

Buon abbigliamento a tutti.

Lord Brummell

 

 

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.