Parla Valentuomo

Walter Lapini per «Corriere della sera» 5 gennaio 2020

Una dozzina di anni fa l’Europa del merito, cioè del ritornante darwinismo, si inventò per le università gli ormai famosi Erc, pronuncia iarsì. Si tratta di finanziamenti a progetti di ricerca innovativi, accessibili tanto ai baroni quanto agli esordienti e ai cani sciolti. Loro caratteristica è favorire i temi interdisciplinari e inondare di soldi i vincitori (milioni di euro). Gli Erc e i dispositivi dello stesso tipo come le Marie Curie, le quote premiali, le supererogazioni ai cosiddetti dipartimenti di eccellenza vanno di moda in quanto interpretano lo spirito dei tempi, in cui si disprezza il magro ma regolare provento e ci si esalta per l’azzardo, il colpo grosso, il tutto o niente. Poiché la trippa (dicono) non basta più, si cala dall’alto un grosso pezzo di carne e il più forte o più scaltro lo azzanna. È un esperimento sociale da applicare magari anche in fabbrica: invece che dividere un tot fra tutti gli operai, si dà un mezzo tot a uno solo, col vantaggio del padrone che ha risparmiato e con la contentezza degli altri che hanno perso ma ci hanno provato. Naturalmente il giovane che vince un Erc non può amministrare da solo il suo milione o due di euro, ma deve trovarsi un’università che lo assuma, che gli faccia da base e da banca, dividendo il malloppo con lui. Ora, per le università depauperate e fameliche l’arrivo di un Erc winner è come in Brutti sporchi e cattivi l’arrivo della pensione de nonna: è la sopravvivenza, la boccata d’aria. Tutti cercano di accaparrarsi la gallina dalle uova d’oro, o magari di allevarsela in casa. E così gli atenei offrono, con detestabile lessico, "posizioni di prestigio” a chi “ti «porta” un Erc, o mettono in piedi "eventi formativi” finalizzati a "presentare un Erc di successo”. Si tratta di corsi, di cicli di lezioni, in cui ti aiutano a infiocchettare il tuo progetto scegliendo il titolo più intrigante, l’acronimo più figo, le formule più cool, destinate a fare colpo su valutatori che saranno per lo più di altri settori, e che del tuo non hanno idea, o peggio ce l’hanno sbagliata. Se sei un filosofo, o un archeologo, dovrai convincere gente che vede la filosofia attraverso De Crescenzo e l’archeologia attraverso Indiana Jones. Il tutto naturalmente in inglese, la vaselina dei popoli. Le scienze dure hanno bisogno di molti soldi, si sa. Ma quando un finanziamento abnorme investe in una facoltà umanistica l’effetto è quello della bomba d’acqua sui terreni aridi e brulli: disgrega, dilava, trascina. Infatti la gallina dalle uova d’oro non scodella gratis: ti “porta” il suo Erc ma vuole in cambio il posto fisso, magari il più alto, una bella cadrega da ordinario. Piomba in un dipartimento e scardina la programmazione, salta la fila, taglia la strada ai tanti che attendevano laboriosamente il loro turno e che ora devono farsi da parte davanti all’inesorabile avanzata del Milione. E se l’Erc winner non ha le carte in regola per aspirare alle prime fasce, si fa presto a rimediare, dato che questa Italia cooptante e concorsofoba è una foresta pluviale di enti, agenzie, authorities, dove non è difficile trovare l’istituzione amica che ti dia il parere su misura. Dopodiché si fa la chiamata, si assume in deroga, si passa al fatto compiuto, da cui, come si sa, tornare indietro è pressoché impossibile. E così il giovanotto intraprendente e opportunamente addestrato che ha saputo esprimere in un brillante curriculese una serie di buoni propositi e di parole in voga tipo “gender” o “sostenibilità”, vola senza colpo ferire su una cattedra di fatto comprata. E gli scafisti del reclutamento ope legis e ope bursae lavorano indisturbati, ben sapendo che gli esclusi, i danneggiati, staranno al gioco anche loro, se vogliono garantirsi qualche briciola della pensione de nonna piuttosto che un futuro di emarginazione e dispetti. Non c’è disegno di carnefice, diceva Pasolini, che non sia suggerito dallo sguardo della vittima.

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.