auto
Cultura »

Amnesie

Guareschi sdoganato da chi lo aveva definito uno scrittore mai nato

Ogni ripensamento è naturalmente il ben venuto, soprattutto se finalmente risarcisce un'ingiustizia, ci sono voluti appena 50 anni e il mondo accademico ancora non ne vuole sapere

di Mario  Bozzi Sentieri

Guareschi sdoganato da chi lo aveva definito uno scrittore mai nato

Presenziando, a Busseto, all’inaugurazione di una mostra dedicata a “Giovannino Guareschi fotografo”, Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, nonché esponente di punta del Pd, ha dichiarato: “Far rivivere il ricordo di Guareschi attraverso le sue opere è un omaggio dovuto per chi lo abbia conosciuto e, soprattutto, per i più giovani, che possono trovare nei suoi personaggi spunti e riflessioni ancora attuali. Guareschi è una delle menti più versatili della nostra terra. Una figura a suo modo poliedrica, che tuttora merita di essere ancor più approfondita”.

Quello di Bonaccini è l’ultimo passaggio nel processo di “sdoganamento”, a sinistra, dell’autore di Don Camillo, che vale la pena rimarcare, a memoria soprattutto di quei giovani a cui il presidente dell’Emilia-Romagna si rivolge.

C’è stato un tempo, infatti, neppure tanto lontano, in cui quello che oggi viene considerato come “una delle menti più poliedriche della nostra terra” riceveva da Palmiro Togliatti, il leader maximo del Partito Comunista Italiano, il marchio senza appello di “tre volte cretino”, mentre “l’Unità”, organo dello stesso Pci, in occasione della morte dell’autore di Don Camillo, nel luglio 1968, lo archiviava con un titolo infamante: “E’ morto lo scrittore che non era mai sorto”. Ancora agli inizi degli Anni Ottanta, Adolfo Chiesa, sulle pagine del comunista “Paese Sera”, parlava con ribrezzo della ristampa di “Don Camillo”: “Teniamo il volume fra le mani sì, ma solo con la punta delle dita e a notevole distanza dal viso come per non sporcarci. Qualcosa di analogo accade quando raccogliamo un giornale in strada per leggere rapidamente qualcosa, ma non dimentichiamo la sensazione di sudiciume che quel giornale inevitabilmente porta con sé”. E giù, verso Guareschi, l’immancabile accusa – buona per tutte le stagioni – di essere stato l’animatore del settimanale “Candido”, specchio della borghesia più retriva e fascista, espressione “scurrile” contro i diritti dei lavoratori ed in difesa - testuale – dell’arroganza dei padroni.

Pesava su Guareschi il ruolo giocato, nel 1948, in occasione delle elezioni politiche, autentico referendum anticomunista, a cui il nostro offrì le armi della propria creatività, fissata nello slogan, passato alla storia: “Nel segreto dell’urna Dio ti vede, Stalin no !”, e rimarcata, per decenni, dalle sue vignette-tormentone “Obbedienza pronta cieca assoluta” che avevano per protagonista il comunista “trinariciuto” una specie di orango vestito da uomo, dotato di una terza narice (“il terzo buco era necessario per scaricare tutto il fumo che aveva nel cervello”, spiegava Guareschi), alle prese con le strampalate direttive impartite dal quotidiano del partito, provocate da un banale refuso.

Bisogna attendere il 1990 per la retromarcia. Giovannino non c’è più da vent’anni, ma i suoi film continuano ad entusiasmare le platee, mentre le edizioni dei suoi libri trovano editori in mezzo mondo. D’altra parte il Muro è caduto da un anno, trascinandosi dietro le sorti del comunismo. Ecco allora lo stesso Chiesa lanciare il suo “contrordine compagni” , denunciando (in “La satira politica in Italia”) la messa all’ “Indice della cultura di sinistra” di personaggi come Guareschi, guardato con sospetto da un ambiente che – parole di Chiesa – preferiva, per il bene della causa, l’artista che fa piangere.

Nel 1994, in un clima di generale sfacelo ideologico di quello che era stato il partito comunista più forte dell’occidente, c’è perfino – ad opera di Michele Serra – la distribuzione di “Don Camillo”con il settimanale satirico “Cuore”, nato da una costola de “l’Unità”. In quell’ambito Serra arriva ad affermare che Guareschi non appartiene né alla destra né alla sinistra, ma a tutti, come i grandi scrittori, rivalutandone pasoliniamente il populismo antiborghese e l’identità contadina.

Insomma la solita tecnica “progressista” per salvare capra e cavoli, contando sull’amnesia delle masse e sul buon cuore di una cultura pronta a perdonare tutto. Ad uscirne vincente comunque è Guareschi, le sue opere, la sua visione della vita e del mondo. Siamo ovviamente ben lieti del suo “sdoganamento” a sinistra, con, buon ultimo, un esponente del partito erede del togliattismo. Un po’ di autocritica però non guasterebbe. A differenza che nel passato (comunista) non c’è alcun plotone d’esecuzione ad attendere i “traditori” della Causa.

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.