auto

Maggio Musicale Fiorentino

Un Čajkovskij travolgente in riva d'Arno: trionfa il duo Ashkenazy -Rachlin

Vladimir Ashkenazy e Julian Rachlin, insieme a una straordinaria orchestra del Maggio, applauditissimi nel concerto di domenica pomeriggio.

di Domenico Del Nero

Un Čajkovskij travolgente in riva d'Arno: trionfa il duo Ashkenazy -Rachlin

Julian Rachlin

Una vera e propria ovazione per entrambi: Vladimir Ashkenazy  e Julian Rachlin hanno letteralmente incantato il pubblico del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, con una domenica pomeriggio dedicata a due composizioni tra le più note e amate di Pëtr Il'ič Čajkovskij:  il Concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 35  e la sinfonia n. 5 in mi minore op. 64. [1]Teatro pieno, oltre che entusiasta: sia il concerto che la sinfonia sono stati seguiti in silenzio quasi religioso, malgrado un inizio davvero non proprio promettente: quando il maestro Ashkenazy ha alzato per la prima volta la bacchetta il primo a rispondere è stato lo squillo, importuno e insistente, di un cellulare tra il pubblico, cosa che ha provocato qualche irata e giustificatissima reazione. Dopo però è filato tutto liscio : la magia della musica del grande maestro russo e dei suoi interpreti hanno potuto dominare incontrastati.

Julian Rachlin, classe 1974, è un violinista di origine lituana che ha studiato a Vienna; qui è diventato il più giovane violinista che abbia suonato con i Wiener sotto la direzione di Riccardo Muti e oggi è considerato uno dei maggiori solisti degli ultimi tempi. L’interpretazione del concerto in re maggiore ha pienamente confermato il giudizio: è noto tra l’altro che questo sia uno dei concerti più difficili del suo genere, basato sul virtuosismo e contraddistinto da un carattere vivace e vitale abbastanza insolito in Čajkovskij. Rachlin  si è confermato un virtuoso straordinario, affrontando il concerto con uno squisito tocco di levitas che lo visto perfettamente a suo agio  nelle evoluzioni dell’allegro moderato, dove il rapporto molto complesso e calibrato tra solista e orchestra è stato perfettamente impostato. Costruito sullo schema della forma – sonata,  il movimento presenta un primo tema (reso celebre molti anni fa dalla pubblicità di un noto liquore italiano) dal carattere vigoroso e appassionato, mentre il secondo ha carattere più “lirico”, anche se si presta comunque a un virtuosismo vertiginoso. Perfetta l’esecuzione anche della celebre canzonetta, con la sua cantabilità e il suo dolce lirismo, mentre nel terzo movimento il solista ha nuovamente suonato con travolgente vitalità, evidenziandone il ritmo vorticoso senza però lasciare in ombra i momenti più intimistici.  Brillantissima la prova di una orchestra davvero straordinaria, condotta con mano sapiente da Ashkenazy che ha evidenziato tutti i vividi colori di questa partitura, sia quelli più “melodrammatici” che quelli delicatamente folcloristici o gitani.

Pagina profondamente diversa, la quinta sinfonia ha visto ancora una volta l’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino dare il meglio di sé. Ashkenazy imposta la lettura della sinfonia evidenziandone perfettamente la complessa architettura: alla cupa introduzione che enuncia quel tema del destino che tornerà in tutti i movimenti (archi e clarinetti) segue il tema vivace dell’allegro con anima, brillante ma permeato di sotterranea inquietudine. Quindi le esplosioni sonore, i vuoti e impennate tipiche di questo musicista che si susseguono sino alla coda del movimento, che riprende il tema dell’allegro “insidiato” però dalle trombe che riprendono quello del fato.

Splendida anche l’esecuzione dell’andante cantabile, grazie anche alla parte solista del corno (giustamente gratificato da un particolare applauso) e dal suo struggente “dialogo” con l’oboe; lieve ed elegante il valzer del terzo movimento, mentre il quarto ha visto dispiegarsi trionfalmente la vittoria sul fato.

 



[1]Per la presentazione del concerto e del suo programma cfr. http://www.totalita.it/articolo.asp?articolo=8987&categoria=1&sezione=10&rubrica=10

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

    1 commenti per questo articolo

  • Inserito da Angelo il 14/04/2018 21:56:53

    Prestito di emergenza e sicuro! Signore e signori. Sono un individuo e sono a vostra disposizione per prestiti bancari da 1000 a 150.000.000 di euro con una buona percentuale del 2%. Contattami per le tue richieste di credito urgenti. contattami per: mail: notarialeangelo72@gmail.com

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.