auto

Prima Lezione

Come stirare la tua camicia alla perfezione -I parte-

Vi spieghiamo questo arduo, benché necessario compito, con lo stesso stato d’animo come se stessimo guardando per l’ennesima volta il naufragio del Titanic

di Massimo Melani

Come stirare la tua camicia alla perfezione   -I parte-

Vestire sempre impeccabilmente è un compito complicato dal quale pochi escono vittoriosi.

Una delle condizioni indispensabili è indossare camicie stirate alla perfezione.

E non è facile!

In realtà, quasi ogni anno, in prossimità della primavera, ci sono tentativi per far passare la moda delle camicie rugose o grinzose che dir si voglia, che il sottoscritto si metterà il giorno in cui Giselle Bundchen accetterà di uscire a cena. Quindi, sono destinato a continuare con quelle stirate.

Cosa c’è di più bello che indossare una camicia perfetta.

Siccome vivo da solo e sono povero, ho depurato la tecnica fino a raggiungere la perfezione.

In uno dei miei atti di generosità che mi caratterizzano, oggi offro alcuni consigli per ottenere la tanto desiata stiratura ad hoc.

A tal punto che dovrete dissimulare il vostro dispiacere quando ve la strapperanno di dosso per una notte di passione e la getteranno sul pavimento. Stirare è noioso, per Diana!

Col rumore del vapore e l'attenzione suddivisa, non potrai dedicarti, per esempio, compiutamente, a Criminal Minds o House of cards

-Ho detto vapore? Togliti gli occhiali. Dal momento che stai procedendo a tentoni senza di essi, inciamperai sull’asse da stiro nel tentativo di prendere il ferro dall’armadio.

La tavola da stiro, allora, verrà fiondata come un boomerang verso il vaso di fiori vicino alla televisione. Perché hai un vaso di fiori in casa? Sei forse una ragazza?

Il mio trucco per sapere se il ferro da stiro è sufficientemente caldo, consiste nel toccarlo inavvertitamente quando prendo il telecomando per alzare il volume.

Bisogna cominciare sempre dal collo. Se lo lasci alla fine, raggrinzirai la camicia. Inoltre. È la parte più facile. Un’abile passata lascerà il collo perfetto. Sorriderai orgoglioso.

Fa caldo con tanto vapore, cosicché punti lo sguardo verso il frigorifero e tiri fuori una birra analcolica, dimenticando di nuovo quella dieta che hai iniziato senza successo nel 2001.

Ora è la volta delle maniche. Stendine una per volta sulla tavola. Passa il ferro da stiro con attenzione, ma con fermezza e determinazione. Porc..azzz…, si è formata una di quelle rughe odiose che rimangono a causa di una cattiva estensione della manica.

-Ma non ti ho detto di stenderla bene?! Che sei rincoglionito? Passa delicatamente, ma in profondità il ferro sulla grinza e gettaci direttamente il vapore.

Controlla l’acqua. Ferro da stiro sull’altro lato. Ora hai tre rughe, dritte e perfette. Ormai il danno è fatto e non puoi sistemarle. Faresti meglio a lavarla di nuovo. Buttala per terra, arrabbiato. 

Stai sudando. Termini di bere la birra con rabbia e gli occhi arrossati. Ti procuri un’altra birra, questa volta alcolica.

Adesso guardi, con disperazione, la cesta delle camicie che rimangono da stirare. Torni sui tuoi passi e raccogli quella sbattuta a terra. Almeno un po’ l’hai stirata. Preso dal furor casalingo, la metti sotto i piedi e la stropicci tutta. Ora sì che va lavata!

Conti 18 camice da stirare e altrettante nell’armadio. A cosa ti servono 36 camicie? A cosa cazzo pensavi quando le hai comprate? Di avere un maggiordomo? O che tua madre fosse ancora lì a farti da schiava?

Chiami tua madre e le domandi come va la vita. Se il babbo sta bene e se tua sorella è ancora incinta. Quasi commosso le comunichi tutto il tuo amore. E se ha, per caso, bisogna di qualcosa.
Quando ormai ha capito il tuo diabolico piano e ti ha riattaccato il telefono, non prima, però, di ricordarti che “ sai come sono le mie articolazioni” e che “ non chiami mai, né vieni a trovarci”, punti lo sguardo verso la prima camicia del monte.

Scagli la bottiglia di birra nel muro e urli a gran voce “cosa ho fatto per meritarmi questa tortura?”.

Stendi una nuova camicia sull’asse.



Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

    5 commenti per questo articolo

  • Inserito da simona il 11/02/2015 12:31:28

    Ottima la reazione materna

  • Inserito da angelina il 11/02/2015 12:14:02

    Appero, ora lo faccio leggere a mio figlio, ahahaha sei grande Massimoooo

  • Inserito da Miriam il 11/02/2015 12:07:20

    io odio stirareeeeeeeeeeeeeee...

  • Inserito da SILVIA il 11/02/2015 11:58:55

    SPASSOSISSIMO, QUANDO LA SECONDA PARTE? Ho le lcrime agli occhi. Bellissimo

  • Inserito da bea il 11/02/2015 11:53:21

    Bellissimo!! Sono fortunata che non devo stirare le camicie, non l'ho mai fatto! E ti consiglio l'aiuto di un piccolo asse da stiro speciale per le maniche e non avrai più mai problemi con le pieghe! Mettiti una buona musica, o la trasmissione del festival a Sanremo!!! E canti un po' con loro!

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.