auto

Spesso impotente

L'uomo senza virtù. Descrizione di detta tipologia di maschio strisciante

E’ un vero e proprio rifiuto della società, una persona che simboleggia quanto di peggio ci possa capitare, un individuo da rifuggire come la peste bubbonica

di Massimo Melani

L'uomo senza virtù. Descrizione di detta tipologia di maschio strisciante

Uomini subdoli, falsi e codardi; senza qualità?

Il mondo né è pieno.

Questa tipologia d’uomo, verosimilmente, è la derivazione di una bassa formazione umanistica, impreparata culturalmente, che si rapporta con la realtà in modo antidogmatico: scontenta della sua vita alla quale cerca quotidianamente di sfuggirvi, con un modus svogliato e inusitato di confrontarsi, sempre all’ostinata ricerca di un “nucleo”, dove poter vedere solo se stessa, per dare un senso alla sua disarmonica e precaria esistenza.

Un uomo viscido, subdolo, presuntuoso, che crede di essere eterno nonostante la sua totale mancanza di prospettiva futura; un fallito alla disperata ricerca di un modo per non esserlo.

Questa figura di uomo, dimostra sovente una grande difficoltà nell’intrattenere un benché minimo rapporto pragmatico con il mondo reale, che egli avverte come un universo di schemi e tradizioni inutili.

Un uomo che tradisce continuamente chi lo avvicina, dall’opinione mutevole a seconda della circostanza, indeciso, varie volte anche impotente, che tallona in maniera ossessionante ciò che ha progettato ai danni degli altri, ma soprattutto per le sue mire.

E’ questa una classificazione di uomo, pericolosissima per la società, in quanto tende a sottometterla alla sua pochezza ideologica, tenta di dominarla con la vigliaccheria e l’inganno, in quanto la ritiene superflua, quanto è inutile lui, non avendo, egli, la minima virtù per scomporla e magari coglierne gli aspetti positivi.

E’ un vero e proprio rifiuto della società, una persona che simboleggia quanto di peggio ci possa capitare, un individuo da rifuggire come la peste bubbonica.

Eppure siamo circondati da siffatte parvenze d’uomo?! In ogni campo, in ogni latitudine; sul lavoro, in politica, per strada…

Occorre avere quattr’occhi, e in più gli occhiali, per sorvegliare i nostri passi, per non farsi avvicinare da questi senza palle, e se ahinoi si avvicinano troppo sono guai seri.

La loro non esistenza sociale li metamorfosizza in qualcosa di viscoso, sfuggente e quando ti hanno stretto la mano inizia per te il conto alla rovescia per una vita piena di dolori e sofferenze.

Il nulla, praticamente, che trionfa.

Ma, il trionfo del nulla è effimera gloria, che serve solo a coprire fallimenti esistenziali ed inefficienza intellettuale.

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.