La crisi dell'Inter

E' il momento che Moratti lasci a chi più motivato.

L' 1 a 3 di Siena è conseguenza di una gestione fallimentare, tipica di chi non pensa più in grande...

di Massimo Melani

E' il momento che Moratti lasci a chi più motivato.

Schelotto - Moratti - Rocchi

Adesso Moratti, Branca e il resto dell’allegra brigata dirigenziale devono lasciare.

Con l’attuale Presidente l’Inter ha vinto tutto: scudetti, coppe Italia, Uefa, Champions e Mondiale per club.

Questa la formazione che ha trionfato ognove:

Julio Cesar ; Maicon  Lucio  Samuel  Chivu  (68' Stankovic ); Cambiasso  J. Zanetti ; Sneijder ; Eto’o Milito  (92' Materazzi ) Pandev (79' Muntari )

A seguire l’undici di ieri a Siena:

Handanovic Ranocchia , Chivu , Juan Jesus ; Schelotto (1' st Kovacic ), Zanetti 5.5, Kuzmanovic , Nagatomo ; Guarin  (41'); Palacio , Cassano 6 (28' st Rocchi ).

Dopo sì tanta bidonara formazione è ora di dire basta!

Moratti è una persona onesta e seria, è riuscito dove altri suoi predecessori avevano miseramente fallito; ha smascherato le porcherie che da anni si perpetravano alle spalle dei nerazzurri sputtanando dirigenti di club, arbitri e disegnatori.

Grazie Presidente! Grazie!

Ha speso tantissimo, fregandosene della derisione degli altri perché non vinceva, o vinceva poco.

Ha insistito e ha regalato ai tifosi tutto quello che fino  a pochi anni fa era inimmaginabile solo pensare.

Poi, ha mollato le redini, cominciando a vendere tutto ciò che poteva, forse perché appagato e perché felice di aver dimostrato che a cose regolari anche l’Inter poteva dire la sua.

Ora, però, sig. Presidente, deve consegnare la grande, Beneamata Inter a persone motivate, pronte a svenarsi coma faceva Lei, perché se continuiamo con la stessa gestione ci ritroveremo, a breve, in quel postaccio ove non siamo mai stati, a differenza di altri.

L’ultima campagna acquisti di riparazione ha indebolito ancora di più la squadra: Kuzmanovic, Schelotto, Kovacic e altra trincaglieria varia giocherebbero a stento in serie B.

Allora, invece, di cercare – insieme a quell'inidoneo di Branca- bidoni da altri team si metta a sondare il terreno in merito a un suo sostituto.

Una persona come Lei agli inizi, uno che punti i Cristiano Ronaldo o i Messi e non gli Schelotto, Rocchi e Jonathan.

Ah, per quanto attiene al badget imposto dall’ Uefa lo sappiamo tutti che è solo una grande scusa, una vera bugia, pari a quella su Balotelli che prima di venderlo, Il Manchester City, avrebbe dovuto comunicarlo all’Inter.

Le bugie, caro Presidente, hanno le gambe corte… come il fiato dei suoi giocatori.

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.