La recensione

Come sopravvivere alla modernità, de Turris spiega tutti i trucchi per difendersi dalle ipocrisie del nostro tempo

di Dalmazio Frau

Come sopravvivere alla modernità, de Turris spiega tutti i trucchi per difendersi dalle ipocrisie del nostro tempo

In America, e da tempo importati anche da noi, esistono dei semplici manuali definiti “for dummies”, ovvero per gli “imbecilli”.

Il breve saggio che voglio invece suggerirvi non è indirizzato agli “stupidi”, per i quali non c’è e non ci deve essere speranza o misericordia, ma dovrebbe essere letto soprattutto da quei giovani che hanno ancora l’intelletto sano, non corrotti da “questo mondo”.

Il libro, edito dalla neonata ma già pregevole “Idrovolante Edizioni”, è un agile manuale scritto da Gianfranco de Turris con il titolo di “Come sopravvivere alla modernità. Manualetto di autodifesa per il XXI secolo”. L’Autore ci dimostra, con la sua solita prosa diretta e agile, come sia forse più arduo sopravvivere – e rivoltarsi – al “mondo moderno” che non ad un olocausto nucleare. La prima infatti è impresa ben più eroica e per attuarla non si può non ricorrere a quei pensatori – ma anche, alcuni almeno, uomini d’azione – che furono Evola, Junger, Mishima e Guénon.

Perché giunti ormai a questo punto di non ritorno, non ci resta che difenderci – anche se la miglior difesa resta sempre l’attacco – non tanto dal “Pericolo Giallo” o “rosso” d’un tempo, ma da un mondo retto da una sottile, ipocrita, diabolica e strisciante barbarie. Dove il nemico indossa il tuo stesso abito, è proteiforme, dedito al nascondimento, liquido, evanescente. Un mondo fatto di tecnologia infida e di tecnocrati molto più pericolosi e criminali di quelli immaginati dalla letteratura “cyberpunk”. Il “virtuale” è diventato ormai veramente interconnesso con la nostra vita e anche da questo ci mette in guardia de Turris, non da “maestro” o “guru” – cosa che viene lasciata fare a personalità ben più mediocri – ma da uomo che ha vissuto e vive, come direbbero i taoisti “tempi interessanti”.

Infine, ma per me non di secondaria importanza, desidero fare un complimento al grafico  che ha ideato la veste editoriale della collana – e lo dice uno che non ama il minimalismo, il pauperismo e soffre di “horror vacui” congenito – essenziale, pulita, quasi “zen”, in un tempo dove di bravi nel settore se ne vedono veramente pochi.

 

Gianfranco de Turris
Come sopravvivere alla modernità. Manualetto di autodifesa per il XXI secolo.
Idrovolante Edizioni
Roma 2016
Pag. 164
14 Euro

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.

TotaliDizionario

cerca la parola...