Trattate come bestie dall'ISIS

Lo Stato Islamico etichetta con il prezzo donne e ragazze per venderle al miglior offerente

Mosul, roccaforte irachena dello Stato Islamico, è uno dei principali mercati di schiave sessuali, come Raqa, la capitale del califfato

di Massimo Melani

Lo Stato Islamico etichetta con il prezzo donne e ragazze per venderle al miglior offerente

Ai primi di agosto i jihadisti dello Stato islamico hanno iniziato a diffondere i loro abusi contro le minoranze etniche e religiose in Iraq . Dallo stupro al traffico di donne e ragazze, i terroristi hanno sparso il terrore fra la popolazione dopo aver ottenuto la provincia del Ninive. Centinaia di cristiani e Yazidi sono stati raggruppati, come se fossero un gregge, nella cittadella della città di Tal Afar, a nord di Ninive.  Giovani nubili sono state messe in attesa di essere selezionate per andare in Siria e lì utilizzate come schiave sessuali per i jihadisti dell’Isis. Per 350 dollari o perfino solo per 180.  Nei forum e nelle reti sociali jihadiste i terroristi discutono e scherzano sui prezzi delle donne, definendole “veneratrici del diavolo” per essere yazide.

Ma ora un rapporto delle Nazioni Unite, stilato dalla rivista Foreign Policy, va più in là e dettaglia gli abusi, propri di vari secoli fa, ma con i mezzi e gli attrezzi dell’anno 2014.

Mosul, roccaforte irachena dello Stato Islamico, è uno dei principali mercati di schiave sessuali, come Raqa, la capitale del califfato.

Donne e bambine sono portate con l’etichetta del prezzo al marcato affinché i compratori possano scegliere e negoziare la loro acquisizione”, spiega Foreign Policy.

Questi clienti sono per la maggior parte giovani di comunità locali che continuano ad integrarsi nelle loro reti sedotti dal denaro e dal piacere che offre loro l’Isis.

Alla fine di agosto, l'ONU ha registrato il rapimento di 2.500 civili del nord dell'Iraq, includendo le regioni di Sinjar, Tale Afar e la valle del Nínive.

Una volta in cattività, gli appartenenti allo Stato Islamico hanno assaltato sessualmente le giovani.

Come conclude la relazione, il traffico di schiave sessuali è un capitolo in più, ed uno dei più importanti della campagna propagandistica dello Stato Islamico per estendere la sua influenza in Iraq e Siria ed appoggiare il califfato.

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

    1 commenti per questo articolo

  • Inserito da SILVANA il 06/10/2014 16:16:45

    schiavizzare sessualmente la donna come oggetto di desideri e farne uso e consumo, è quanto di più aberrante e animalesco ci possa essere nelle facoltà dell'umano. non è più concepibile nell'era attuale, dove vige l'emancipazione, constatare che esista una generazione di scarsa cultura e insensibilità verso il sesso debole ed indifeso, tanto da potersi approfittare come merce di scambio o di lucro. non ci può essere giustificazione per simili atti, ma solo condanne; e la vigliaccheria di questa gente immonda, che sta distruggendo il bello del creato, deve farci riflettere seriamente su quanto c'è ancora da fare per cambiare l'essere umano, ancora allo stato animalesco

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.

TotaliDizionario

cerca la parola...