Rime e versi per certi versi diversi

L'alito di Marzo

di Il Raccontafavole

L'alito di Marzo

Sì, signori miei,

è molesto l’alito fresco di marzo,

nel contempo la natura ritrova il suo infantile sfarzo!

Quel soffio monello ti ruba il cappello,

quei fiori già in mano

li accompagna lontano;

ti percuote l’ombrello mentre cade il mantello.

Oh, ariostesco vento

che muti umor ogni momento,

brezza burlona che dal niente

divieni bisbigliona ,

annuncia, però, l’effluvio di viole,

scaccia l’ olezzo del maltempo

e riporta a noi il sole.

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

    3 commenti per questo articolo

  • Inserito da piccolo il 04/11/2013 03:27:15

    caro Raccontafavole, fuori è freddo. rileggo la tua arietta marzolina. è bella. se tu sei un poeta minore io sono altrettanto un lettore minore. l'ho ricomposta in due o tre variazioni. è bella. o così almeno la sento. non mi ci vuol molto si vede per rincuorarmi. animo puerile? no. solo semplice. fanciullesco. scrivine ancora. anche Metastasio aveva scritto ariette elementari: è così che per virtù d'amor i moti del tuo cuor risento anch'io. mi dolgo al tuo dolor gioisco al tuo gioir ed ogni tuo desir divien il mio. ma queste poesie così semplici e vere si ricordano. e quando i libri son bruciati e noi siamo soli in un ghiacciaio immenso o nella bufera delle onde e della vita cosa ricordiamo colla nostra debole memoria? le poesie commentate e le dotte note a piè di pagina? che bello se potessimo avere più poeti. anche minori. e vicini senza dover liquefarci i cervelli su ponderosi volumi. grazie a loro la nostra memoria vive e si esercita. e noi sopravviviamo. e, all'istante che verrà, sapremo accorgergi che "sono intorno nate le viole". ricordo così il Pascoli. o D'Annunzio, nato in marzo anche lui come lo sono io: "per lo stelo d'una violetta darei tutte quest'ossa"

  • Inserito da piccolo il 03/11/2013 21:06:32

    caro Raccontafavole, diochane, (così scrisse Boccioni a Papini) leggere le poesie d'un poeta minore è una sevizia come ben annotato da Gomez Davila nei suoi "escolios". ma i tempi sono così squallidi che questa tua graziosa arietta di marzo rincuora.

  • Inserito da Loredana il 15/03/2013 12:50:58

    ...e dopo averci spaventato con i suoi dittici, il Raccontafavole ci svela la sua anima delicata, in contatto con la natura.

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.

TotaliDizionario

cerca la parola...