Monti e il Calcioscommesse

Prandelli attento, ti vogliono soffiare il posto di CT

«Il mondo del calcio è un concentrato di aspetti tra i più riprovevoli della vita umana: la slealtà, l’illegalità, il falso, la ricerca demagogica di popolarità»

di Massimo Melani

Prandelli attento, ti vogliono soffiare il posto di CT

Il CT Monti

Anche il professor Monti, Presidente del Consiglio, indossa la maglia della squadra del cuore e, dalla sua lussuosa villa, si sposta al bar dello sport a chiacchierare di calcio, moduli e campagna acquisti?

Parlo di colui che si è insediato da tecnico, non di football, al Governo senza essere stato eletto dal popolo sovrano approfittando del fallimento della struttura politica italiana dalla quale, nel contempo, discende e la quale deve ampiamente ringraziare.

Stavolta, Mr. “non ne azzecco una”, l’ha combinata davvero bella, mettendo il becco, farneticando e vaneggiando, su una materia assolutamente non alla sua portata.

Ma che componga, sbagliandoli, come sempre tutti i suoi conti, che avalli e subito dopo annulli disegni di legge e provvedimenti cautelativi; che viaggi di qua e di là tra i Continenti, sperperando valanghe di soldi per il bene, dice lui, dell’Italia.

L’importante è che -a noi italiani- non tocchi minimamente, dicendo fregnacce, il nostro grande momento di evasione che è il calcio, la partita, in altre parola la vita.

Ma non aveva altro a cui pensare questo premier a tempo; non poteva soffermarsi maggiormente sull’Italia del nord che trema, sugli  industriali che si suicidano, sugli ultimi angosciosi fatti di Brindisi e Genova. Alle riforme che sono da sempre in stand by, al mostro Equitalia, alla spending review, alla giustizia a tempo, al problema delle carceri e alla disperazione della crescente povertà che sta invadendo lo stivale. Ai due marò, agli intrighi all’interno del Vaticano, alla Rai e allo spread così altalenante.

Macché!

Il lungagnone, dalla voce e dall’aspetto robotico, si è voluto dilettare a parlare ( non ci risulta una grande esperienza nei campi di seria A), su un tema che francamente non doveva nemmeno passargli per l’anticamera del cervello: il calcio, il calcioscommesse.

Come spuntato dal cilindro di un prestigiatore è emerso tutto il risentimento di questo Raymond Babbitt, il Dustin Hoffman di Rain Man, della politica nostrana verso il mondo del calcio, al punto che è sembrato uno sfogo verso qualcosa che da tempo lo assillava.

Una catilinaria in cui mostra tutto la sua scarsa attenzione verso questo sport e, di conseguenza, verso 47milioni d’italiani che, invece, lo idolatrano.

Non più, quindi, un tecnico di Governo, ma un c. t.  propenso a puntare il dito, alle punizioni e alle censure.

 «Il mondo del calcio è un concentrato di aspetti tra i più riprovevoli della vita umana: la slealtà, l’illegalità, il falso, la ricerca demagogica di popolarità», ha esternato al convegno italo-polacco di ieri e, poco importa, se già tutta l’Europa calcistica abbia già aperto i propri giornali con titoli sulla nuova ricaduta scandalistica del mondo del pallone italico, no!- lui ha voluto metterci del suo, inasprendo ancora di più l’argomento.

Per Monti l’unica vera soluzione è abolire la schedina, distruggere gli abbonamenti allo stadio, fermare il calcio per due o tre anni.

Altro che Mussolini o roba simile!

Queste le sue parole, mai così incisive e autoritarie, nemmeno verso i partiti.  «Bisogna riflettere e valutare se non gioverebbe per due o tre anni  una totale sospensione di questo gioco. È particolarmente triste e fa rabbrividire quando il mondo dello sport, che dovrebbe esprimere i valori più alti, si rivela un concentrato di fattori deprecabili. In questi anni abbiamo assistito a fenomeni indegni. È così facile per i cittadini italiani non impegnati in attività politiche, ovvero la grande maggioranza, localizzare tutti i mali dell’Italia nella politica. È un errore».

In altre parole, tutto il male dell’Italia albergherebbe sulle maglie dei nostri idoli, nei campi da calcio e in noi italiani che ne siamo ammalati.

Ma il sig. Mario Monti, queste cose l’ha dette dall’alto del suo distaccato interesse snobistico o perché ci crede davvero?

Non ha pensato che fermare il calcio comporterebbe qualcosa come un miliardo e 100 milioni di euro in meno l’anno per l’erario.

Mr. Babbit, sembra un “signorucolo”qualunque che si arrischia in dissertazioni tecniche non adatte a lui.

Bloccare il calcio per l’ennesima truffa, comunque e sempre dei soliti noti, avrebbe meno senso che prospettare la fine del Parlamento per turpitudini dei pigionanti.

Ma come può permettersi il Professore d’intervenire così brutalmente e di generalizzare, con siffatto eccesso, assolvendo vieppiù se mesmo e i suoi assurdi compagni di merende?

Piaciuto questo Articolo? Condividilo...

    7 commenti per questo articolo

  • Inserito da Irma il 30/05/2012 21:10:24

    Max sei bravissimo e il comitato di amiche di facebook ti ha nominato il più affascinante italiano del web. Irma

  • Inserito da CORRADO il 30/05/2012 16:50:50

    Infatti non riuscivo mai a capire come mai tante persone la domenica si mettono a seguire le partite alla tv o peggio ancora al campo sportivo!

  • Inserito da sabrina il 30/05/2012 16:39:22

    QUANTO SEI BRAVO MASSIMO.

  • Inserito da ingrid il 30/05/2012 16:15:07

    Mr MONTI QUAND ON FAIT LE MORALISATEUR IL NE FAUT PAS TAXER LES PAUVRES GENS ET LES PERSONNES AGEES...ALORS QUE LES RICHES SON INTOUCHABLES...CELA EST DELOYAL PLUS QUE LE FOOT ...BASTA AVEC CETTE HYPOCRISIE PURITAINE

  • Inserito da ines giolli il 30/05/2012 14:02:48

  • Inserito da angela Passera il 30/05/2012 13:37:32

    gli aggettivi di monti sono esigui ma significativi, di sbagliato c è il soggetto,se si fosse riferito ai suoi compagni di merende politiche , forse sarebbe riuscito na dirne una , che è una giusta, invece è caduto , no sprofondato nel ridicolo più totale. non credo abbia mai tenuto in mano nemmeno una pallina da ping pong figuriamoci.

  • Inserito da Loredana il 30/05/2012 13:04:20

    «Il mondo del calcio è un concentrato di aspetti tra i più riprovevoli della vita umana: la slealtà, l’illegalità, il falso, la ricerca demagogica di popolarità». Io direi che il soggetto della frase si può cambiare tranquillamente, inserendo "Il mondo della politica..." Il Signor Monti non si è accorto che queste caratteristiche si adattano soprattutto al mondo della politica. Non che il calcio scommesse sia cosa bella e auspicabile. Io personalmente saprei quale carriera indicare a qualcuno di questi giocatori avidi e schifosi, veri e propri "pupazzi in mutande", incapaci di "farsi bastare" i loro ingaggi parecchio alti. Il Signor Monti, dall'alto del pezzo di granito che ha nel petto dove gli altri esseri umani hanno un cuore, dovrebbe riversare copioso il suo sdegno su altri obiettivi, come i suoi compagni di merende, che ogni tanto si permettono anche di scherzare sul dolore altrui. Questa esternazione sul calcio poteva tranquillamente riservarla ad un altro momento, quando per la testa non abbiamo il problema di restare vivi.

Inserisci un Commento

Nickname (richiesto)
Email (non pubblicata, richiesta) *
Website (non pubblicato, facoltativo)
Capc

inserisci il codice

Inserendo il commento dichiaro di aver letto l'informativa privacy di questo sito ed averne accettate le condizioni.

TotaliDizionario

cerca la parola...